Opera in Piazza Giuseppe di Stefano

Apr19

Venerdì 9 e sabato 10 luglio 2010 ore 21,00 in Piazza Grande di Oderzo, ospite speciale Adua Veroni.

Adua Veroni è una persona che ha saputo distinguersi sia per le spiccate qualita’ professionali svolte prevalentemente in campo artistico-musicale, che per i suoi  profondi valori umani.

È stata un punto fermo nel rendere meno difficili i primi anni di carriera del marito Luciano Pavarotti
, con una presenza di sprone ed incoraggiamento di fronte alle inevitabili difficolta’ degli esordi, e rivestendo  poi  il determinante compito della gestione degli impegni  che cominciavano  a pervenire  copiosi  da tutti i teatri mondiali.

Successivamente si impegna per favorire  l’inserimento e la promozione in campo teatrale di numerosi artisti legati al mondo della musica, permettendo loro di  assurgere a  mete eccelse ,  godendo in tale attivita’ dell’appoggio incondizionato del fraterno amico carlo fontana.

Non da meno spicca la dedizione  con la quale  Adua Veroni si è prodigata in  numerose attività di carattere umanitario, ad emblema che il mondo artistico, nei suoi intrinseci valori di espressione della parte più nobile dell’animo umano,  ha sempre prestato attenzione alla sofferenza e alle difficolta’ dei deboli.

L’associazione Oder è fiera di assegnare il suo riconoscimento ad una persona di eccezionale statura che ha profuso molte energie per migliorare la societa’,  favorendo l’inserimento  di  molti talenti nel mondo  musicale, per un  universale godimento dell’anima,  e  creando organismi sensibili alla sofferenza umana con interventi concreti e tangibili di assistenza ed aiuto, aprendo per molti la porta alla speranza di una vita più rosea.

1 commento

  • Commento by Stefano R. Miliani — 11 maggio 2010 @ 09:05

    Tutto verissimo,ho voluto molto bene ad Adua che ha aiutato molto me e altri giovani come me(all’epoca) all’inizio della carriera,con il suo fare deciso e sincero si metteva subito in sintonia ed era naturale darsi del tu come se ci si conoscesse da anni.L’ho vista aggressiva come una tigre “ruggire” al telefono per difendere un suo cantante e l’ho vista triste e con gli occhi lucidi quando andò via;da allora mi manca molto.Spero di poter venire a Oderzo a riabbracciarla.Un caro saluto a tutti Stefano

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment